Ciambelle fritte come quelle del bar!

Le famose ciambelle fritte con lo zucchero, buone, soffici e profumate come quelle che mangi a colazione nei bar! Nella nostra ricetta non è prevista l’aggiunta di patate, ma riuscirete comunque ad ottenere delle ciambelle davvero soffici e paffute. Vengono create a mano senza uso di stampi, sono con il buco e non avranno la forma perfetta. Vengono preparate con un impasto soffice, versatile sia per il dolce che per il salato, lo stesso che abbiamo utilizzato per la rosticceria siciliana. Queste ciambelle fritte senza patate, amate da grandi e piccini, possono essere gustate a colazione o come break di metà mattinata. Non c’è niente di più goloso che mangiarle calde.

ciambelle fritte

LA RICETTA

Portata Colazione, lievitati
Cucina Siciliana
Difficoltà media
Preparazione 30 minuti
Cottura 45 minuti
Tempo totale 1 ora 15 minuti
Porzioni 40 ciambelle

Ingredienti

  • 1 kg farina 00 con l'11% di proteine in alternativa farina Manitoba
  • 600 ml acqua
  • 100 g strutto morbido, a pomata
  • 25 g lievito di birra fresco oppure 7 g di lievito granulare
  • 1 noce burro per ungere la ciotola
  • 120 g zucchero
  • 14 g sale
  • zucchero semolato q.b. per la panatura
  • olio di arachidi q.b. per la frittura

Procedimento

  • Potete lavorare l’impasto a mano o con l’aiuto di una planetaria. Sciogliete il lievito insieme all’acqua e lo zucchero. Mescolate fino a fare sciogliere il tutto.
  • Aggiungete la farina setacciata, unite lo strutto e impastate con il gancio ad uncino per circa 10 minuti ad una velocità medio alta. Quasi al termine, circa 3 minuti prima della fine, aggiungete il sale.
  • Appena avrete terminato, trasferite l’impasto su un piano da lavoro leggermente infarinato e impastate con le mani, in modo da dare più forza all’impasto. Fate delle pieghe, ruotate e proseguite ancora per qualche altro giro.
  • Lavoratelo con le mani fino ad ottenere una palla liscia ed elastica. Pirlate e trasferitelo in una ciotola capiente unta di burro, copritelo con pellicola e lasciatelo lievitare in un ambiente tiepido fino al raddoppio, ci vorranno circa 1 ora e mezza - 2 ore. Vi consiglio di lasciarlo all’interno del forno spento.
  • Al termine della lievitazione, togliete l’impasto dalla ciotola e suddividetelo in pezzature. Il peso varia secondo la pezzatura che vorrete ottenere: 100 g grandi, 70 g medie, 40 g piccole.
  • Con le mani formate delle palline, dategli un’ultima forma pirlandole sul piano da lavoro e adagiatele sopra un vassoio l’una distante dall’altra. Nel frattempo che le andrete a lavorare tutte, vi consiglio di coprirle con della pellicola trasparente,per evitare che si secchi la superficie.
  • E’ arrivato il momento di realizzare il buco centrale: con un dito, fate un buco al centro della pallina e, con l’aiuto dei due pollici, allargate il foro. Fatelo largo: in lievitazione tenderà a restringersi. Disponete le ciambelle in una teglia su carta da forno distanziandole tra di loro.
  • Ritagliate la carta forno attorno ad ogni ciambella, servirà a non maltrattare troppo il lievitato in frittura.
  • Coprite con pellicola trasparente e fate lievitare ancora per circa 30 minuti, fino al raddoppio.
  • Nel momento in cui andranno fritte, immergete le ciambelle nell’olio con tutta la carta forno. Dopo qualche secondo, eliminate la carta.
  • Friggete in abbondate olio caldo, circa 170°C. Lasciate cucinare 2 minuti per lato. Scolatele su carta assorbente e ancora calde passatele in abbondante zucchero semolato.

Suggerimenti

Per la copertura con lo zucchero vi consiglio due metodi: il primo consiste nel passare le ciambelle ancora calde all'interno di un contenitore pieno di zucchero; l'altro di utilizzare un sacchetto di carta con all'interno 6-8 cucchiai di zucchero, inserendo 2-3 ciambelle e agitare il tutto.   
 
Condividi: