Panini integrali

I panini integrali si possono realizzare in casa e sono un ottimo sostitutivo al classico pane di semola, soprattutto per chi segue una dieta ipocalorica. Questi panini, grazie alla notevole quantità di fibre e crusca contenuta nella farina integrale, favoriscono il senso di sazietà. Realizzandoli in casa possiamo miscelare noi stessi le farine, scegliendo le integrali rispetto a quelle bianche. Le farine integrali hanno il grande vantaggio di non aver subito il processo di raffinazione mantenendo quindi intatti la crusca e i nutrienti presenti nel germe.
I panini integrali sono dei piccoli bocconcini di pane sfiziosi e leggeri da servire come panini da tavola oppure, di dimensioni più grandi, per essere imbottiti con verdure, formaggi o salumi. Realizzati con questa preparazione, miscelando farina integrale e farina debole, risultano molto morbidi e gustosi. Si preparano con pochi e semplici ingredienti e, una volta cotti, possono essere congelati e pronti per essere gustati al bisogno.

panini integrali

LA RICETTA

Portata lievitati
Cucina Italiana
Difficoltà bassa
Preparazione 20 minuti
Cottura 15 minuti
Tempo totale 35 minuti
Porzioni 16 panini

Ingredienti

  • 350 g farina integrale
  • 150 g farina 0
  • 260 ml acqua
  • 50 ml olio di semi di girasole
  • 100 g lievito madre oppure 10 g di lievito di birra
  • 10 g sale
  • 1 cucchiaino miele oppure 7 g di zucchero
  • farina 0 q.b. per il piano da lavoro

Procedimento

  • In una ciotola o in planetaria, sciogliete velocemente nell'acqua il lievito madre con il miele, poi cominciate ad aggiungere le farine setacciate poco alla volta. Continuate ad impastare fino ad ottenere un composto liscio, elastico e omogeneo.
  • Dopo aver aggiunto circa metà farina, aggiungete il sale, l’olio e mano mano la restante farina. Lavorate l’impasto a lungo per almeno 10 minuti, fino ad ottenere un composto liscio, morbido e raffinato.
  • Trasferitelo su una spianatoia leggermente infarinata, arrotolate l’impasto su sé stesso fino a formare una palla. Fate lievitare per circa 4 ore a temperatura ambiente in una ciotola leggermente oleata e coperta da un canovaccio umido o da una pellicola per alimenti, in modo da non fare seccare la superficie. L’impasto dovrà raddoppiare il suo volume.
  • Trascorso il tempo di lievitazione, trasferite l’impasto sulla spianatoia e lavoratelo brevemente. Fate riposare ancora 20-30 minuti, coperto dalla ciotola rovesciata.
  • Passato questo tempo, rovesciate l’impasto su un piano infarinato e fate delle pezzature: dividete l’impasto in 16 parti da 60 g circa; schiacciate ciascun pezzo di impasto con le mani, quindi arrotolatelo su sé stesso fino a formare un cilindro e ottenere un piccolo panino.
  • Oppure: ricavate 4 pagnotte rotonde, appiattitele con il mattarello, quindi formate un disco sottile. Tagliate a spicchi, 4 spicchi per ogni disco. Ricavate dei triangoli, chiudete i lembi della base di ciascun triangolo verso l’interno. Arrotolate, partendo dalla base verso la punta.
  • Trasferite i panini su una teglia rivestita con carta da forno con la giuntura rivolta verso il basso. Coprite con pellicola trasparente e lasciate lievitare fino al raddoppio in luogo tiepido e al riparo da correnti d’aria, ci vorranno circa 2 ore.
  • Preriscaldate il forno in modalità ”pane” o statico a 220°C. Arrivato a temperatura, infornate sul livello sopra il piano intermedio e cuocete per 15 minuti fino a doratura. A cottura completata, sfornate i panini e lasciateli raffreddare su una griglia.

Suggerimenti

Qualora l’impasto risultasse troppo consistente, unite altra acqua. Qualora invece risultasse appiccicoso e colloso, unite altra farina per riportarlo alla giusta consistenza. La quantità di liquido dipende dalla qualità e dall’umidità delle farine, pertanto potrebbe essere soggetta a variazioni.
Condividi: