Cannatuni, aceddu cu l’ova, palummedde, ciciliu, pupa cù l’ovu, cuddura cu l’ova, campanaru, cannileri, pannareddu, tanti nomi per un’unica ricetta che non può mancare nel periodo di Pasqua. Un dolce tipico della tradizione siciliana, un impasto simile alla pasta frolla che contiene uova sode simbolo di vita e rinascita, lasciate al naturale e intere. Successivamente decorato con glassa bianca e zuccherini colorati.
Cambiano i nomi da luogo a luogo, ma anche le forme con cui vengono modellati: le fidanzate donavano al loro promesso sposo quelli a forma di cuore; si preparavano seguendo la sagoma di una campana per simboleggiare lo scampanio festoso del giorno di Pasqua; l’augurio d’abbondanza era raffigurato con un cestino; le classiche colombe come portatori di pace.  Preparare questi dolci pasquali è facile. La tradizione vuole che la pasta venga modellata con le mani, ma ognuno può decidere se rispettare il classico metodo o, come me, scegliere la versione innovativa sagomandole con un coltellino.

cannatuna

LA RICETTA

Portata Dessert
Cucina Siciliana
Difficoltà bassa
Preparazione 20 minuti
Cottura 20 minuti
Tempo totale 40 minuti
Porzioni 12 cannatuna

Ingredienti

Per l'impasto

  • 1 kg farina 00
  • 250 g zucchero
  • 250 g strutto
  • 1/2 bustina vanillina
  • 1/2 bustina lievito per dolci o ammoniaca
  • 260 ml latte

Extra

  • olio extravergine di oliva q.b. per spennellare

Ghiaccia reale

  • 250 g zucchero a velo
  • 50 g albume d'uovo
  • 8 gocce succo di limone

Decorazioni

  • codette colorate q.b.
  • palline di zucchero q.b.
  • zuccherini q.b.
  • scaglie di cioccolato q.b.

Procedimento

  • La sera precedente preparate l’impasto e fatelo riposare tutta la notte all’interno di un sacchetto per alimenti a temperatura ambiente. Potete decidere di lavorarlo a mano o in planetaria con gancio K.
  • Disponete la farina setacciata su un piano da lavoro, formate la classica fontana e aggiungete lo zucchero, lo strutto a pezzetti, la vaniglia e l’ammoniaca. Unite gli ingredienti strofinandoli tra le mani insieme alla farina, poco per volta, fino a rendere il composto sabbioso.
  • Non appena saranno amalgamati, unite il latte lentamente e impastate. Il composto dovrà avere una consistenza morbida ma non appiccicosa. Dividete in salsicciotti e fate riposare in un sacchetto per alimenti per tutta la notte.
  • Intanto preparate le uova sode: fatele bollire per 1 ora sul fuoco a fiamma dolce, rendendole ben sode. Mettete da parte e fate raffreddare.
  • Il giorno seguente lavorate l’impasto. Ricavate delle parti e modellate formando il soggetto che preferite: colomba, cestino, campana. Io ho utilizzato delle formine di carta 21x14 cm.
    cannatuna
  • Per realizzare le sagome: spianate l’impasto con l’aiuto di un mattarello ad uno spessore di 3-4 mm. In cottura gonfierà. Adagiate la sagoma sopra e con l’aiuto di una rondella o di un coltello a lama liscia, sagomate tutt’intorno.
  • Posizionate l’uovo sodo dopo aver esercitato una leggera pressione sul composto e spennellato la parte con olio d’oliva.
  • Create dall’impasto alcune strisce larghe 2 cm e lunghe abbastanza da coprire l’uovo e bloccarlo esercitando una leggera pressione.
  • Adagiate la forma su una teglia rivestita da carta forno e infornate in modalità statico per 20-30 minuti a 180°- 200° C. Dovrà assumere un bel colore dorato e biscottato.
  • Nel frattempo, preparate la ghiaccia reale per la decorazione: inserite l’albume in una ciotola e montate leggermente con delle fruste elettriche. Quando inizia a montarsi, aggiungete poco alla volta lo zucchero a velo ben setacciato. Unite le gocce di limone, sempre montando, fino ad ottenere una consistenza molto corposa e solida. Ci vorranno circa 5 minuti.
  • Una volta cotti, fate raffreddare i “cannatuna”, cospargete la ghiaccia (con le dita seguendo il metodo tradizionale), decorate con le codette, palline di zucchero e scaglie di cioccolato. Fate asciugare a temperatura ambiente.

Suggerimenti

I cannatuna vanno decorati secondo il proprio gusto. Potete sostituire l’uovo sodo con quello di cioccolato, fatelo dopo la cottura. Cospargete il biscotto con la ghiaccia e posizionate l'uovo dove più vi piace. Si fisserà durante l’asciugatura.

cannatuna

Condividi: