Pane rustico integrale

Un pane dal sapore antico, come il pane di una volta.
Se volete preparare un pane gustoso e facile da realizzare, questa ricetta è l’ideale per chi vuole ottenere un ottimo pane fatto in casa pur avendo poco tempo a disposizione per realizzarlo e poca esperienza con gli impasti. Con pochi ingredienti realizzerete un pane rustico ricco e sostanzioso. Se conservato adeguatamente durerà a lungo mantenendo la sua fragranza e sarà perfetto da farcire a piacere o cosparso con della composta di frutta per merenda o colazione. Il suo gusto deciso è dato dalla farina a base di grani antichi come la Russello di semola integrale biologica di grano duro de “I Fornai Siciliani”. Queste farine macinate a pietra, genuine e 100% BIO, danno un sapore nuovo ad una tradizione antichissima permettendo di dare vita a preparazioni profumate e speziate con qualità nutritive.
Scoprite insieme a noi come fare il pane rustico con poche mosse.

pane rustico integrale

LA RICETTA

Portata lievitati
Cucina Italiana, Mediterranea
Difficoltà bassa
Preparazione 10 minuti
Cottura 50 minuti
Tempo totale 1 ora
Porzioni 4 persone

Ingredienti

  • 400 g farina biologica di semola integrale di grano duro Russello I fornai Siciliani
  • 300 ml acqua
  • 3 g lievito secco oppure 80 g di lievito madre
  • 6 g sale
  • 1 cucchiaino olio extravergine di oliva biologico Lo Castro

Inoltre vi servirà

  • 1 stampo da plumcake da 25 cm
  • farina extra per lo spolvero
  • carta da forno q.b.

Procedimento

  • Sciogliete velocemente il lievito nell’acqua, con l’aiuto di un cucchiaino mescolate in modo da non ottenere grumi. Prima di utilizzare l’acqua, aspettate qualche minuto fino a quando il lievito inizierà ad attivarsi. Noterete una leggera schiumetta in superficie.
  • Intanto versate la farina all’interno della ciotola della planetaria munita di gancio o, se preferite, potete lavorare anche a mano. Attivate la planetaria ad una velocità media, aggiungete una parte dell’acqua con il lievito e attendete che l'impasto assorba l'acqua. Continuate con la restante acqua e impastate per 5 minuti sempre alla stessa velocità.
  • Appena l’impasto si sarà completamente incordato al gancio, aggiungete il sale. Lavorate ancora 1 minuto, aggiungete l’olio, fate fare un paio di giri e l’impasto sarà pronto!
  • Rovesciate l’impasto sul piano da lavoro leggermente infarinato, noterete che sarà molto morbido e idratato. Lavoratelo qualche minuto con le mani fino ad ottenere una forma rotonda, liscia e omogenea.
  • Inseritelo in un contenitore leggermente oleato, chiuso ermeticamente o con pellicola. Trasferitelo in frigorifero e lasciatelo per tutta la notte, dovranno passare circa 28 ore.
  • Passate le 28 ore di lievitazione, l’impasto avrà raddoppiato il suo volume. A questo punto, rovesciatelo sul piano da lavoro leggermente infarinato.
  • Lavoratelo con le punta delle dita: schiacciate e allargate l’impasto come se voleste ottenere una pizza rettangolare dallo spessore non troppo sottile. La base dovrà avere la larghezza dello stampo.
  • Chiudete arrotolandolo su se stesso e create un filone.
  • Trasferitelo dentro uno stampo da plumcake rivestito con carta da forno. Coprite con un canovaccio per evitare che si formi la crosta in superficie, e fate riposare per circa 40-60 minuti.
  • Intanto preriscaldate il forno in modalità “PANE” o statico a 220°C. Appena sarà arrivato a temperatura, prima d’infornare, praticate un taglio centrale sulla superficie con l'aiuto di una lametta o con un coltello ben affilato.
  • Infornate su un livello inferiore a quello intermedio e cuocete per 40-50 minuti circa a 220°C. Appena sarà cotto, sfornatelo e fatelo raffreddare su una gratella.

Suggerimenti

L’acqua per l’impasto va utilizzata sempre a temperatura ambiente, leggermente tiepida in inverno ma mai calda, altrimenti andrebbe ad uccidere il lievito.
Se preferite, potete condirlo esternamente con dei semi di sesamo, papavero o altro. Basta inumidire la superficie con pochissima acqua, cospargere i semi e farli aderire con una leggera pressione delle mani.
Il pane va conservato in sacchetti per alimenti in modo da mantenersi fresco per l’intera settimana. In alternativa potete congelarlo e utilizzarlo ogniqualvolta lo desiderate.
Se avete fretta potete impastare in giornata, considerando almeno 3 ore di riposo fuori dal frigo per la prima lievitazione. Mi raccomando al riparo da correnti d’aria!
Condividi: