Mini Pavlova

La mini pavlova è un dolce estivo molto elegante, croccante esternamente, umido e soffice all’interno. Un piccolo nido di meringa morbida che può essere farcito con panna montata o crema pasticcera, decorando il tutto con frutta fresca. La dolcezza di questo dolce di origine australiana si sposa bene con l’acidità della frutta rendendolo molto equilibrato nel sapore. Naturalmente, potrete preparare mille varianti della mini pavlova, scegliendo sempre frutta diversa ma ottenendo un risultato sempre goloso e altrettanto scenografico.
La pavlova in sé non è un dolce complesso da realizzare come può sembrare, ma, come sempre, le cose semplici richiedono qualche piccola accortezza. In questo caso ci sono due punti fondamentali: montare gli albumi al punto giusto e fermarsi solo quando la meringa avrà la consistenza della schiuma da barba, lucida e brillante. Anche la cottura va controllata facendo riferimento al proprio forno.
La mini pavlova è il dessert perfetto per concludere in bellezza una delle vostre cenette estive, un dolce semplicissimo ma d’effetto!

mini pavlova

LA RICETTA

Portata Dessert
Cucina Francese
Difficoltà bassa
Preparazione 5 minuti
Cottura 1 ora 15 minuti
Tempo totale 1 ora 20 minuti
Porzioni 6 persone

Ingredienti

  • 100 g albumi a temperatura ambiente
  • 100 g zucchero semolato
  • 100 g zucchero a velo setacciato
  • 3 gocce di limone

Per la decorazione

  • 200 ml panna fresca
  • 1 cucchiaio zucchero a velo
  • frutta fresca a piacere q.b.
  • topping a piacere q.b.

Utensili

  • planetaria o sbattitore elettrico
  • ciotola in vetro o acciaio
  • sac à poche
  • bocchetta a stella
  • spatola
  • carta forno

Procedimento

Prima di cominciare

  • Utilizzate uova fresche a temperatura ambiente, sarà molto più facile montarle.
  • Assicuratevi che non ci siano tracce di tuorlo negli albumi altrimenti sarà impossibile montarli.
  • Montate gli albumi in una ciotola di acciaio o di vetro.
  • Non è indispensabile, ma sarebbe meglio avere una planetaria. Ciotola e frusta dovranno essere completamente pulite e asciutte.

Procedimento

  • Seguite la nostra ricetta della meringa alla francese.
  • Appena avrete il composto pronto, trasferitelo in una sac à poche con bocchetta a stella e, durante la formatura, preriscaldate il forno in modalità statico a 90°C.
  • Rivestite una teglia con carta forno. Iniziate a formare dei piccoli nidi del diametro di 7-8 cm, cercando di realizzare prima una base piena, visto che dovranno contenere la panna, e poi ripassate solo lungo i bordi in senso circolare. Dovrete creare al centro lo spazio per accogliere la frutta e la panna. Cercate di mantenere la stessa dimensione per ogni mini pavlova per avere una cottura uniforme. Non importa che siano troppo distanti tra loro, la meringa non lievita. In realtà non avviene nessuna cottura ma un’asciugatura.
  • Infornate a 90°C in modalità statico sul livello centrale per circa 1 ora e 20 minuti. I tempi sono indicativi. Quando le pavlove saranno in forno, di tanto in tanto, apritelo per controllare il colore e per togliere un po’ di umidità, non dovranno ingiallire. Quando si creperanno leggermente in superficie, spegnete il forno e fatele raffreddare con lo sportello aperto. All'interno dovranno rimane leggermente umide, altrimenti non sarà possibile tagliarle e servirle. Se vorrete farle più grandi, i tempi di cottura saranno più lunghi.
  • Farcite con panna montata al centro e decorate con frutta e topping a piacere.

Suggerimenti

Le mini pavlove non farcite possono essere conservate in scatole o contenitori di vetro con coperchio per lunghi periodi. Dovranno essere conservate completamente fredde.
La cosa più importante è tenerle al riparo dal calore e dall'umidità, altrimenti inumidendosi diventeranno molli e appiccicose. Non vanno conservate in frigo. Dopo aver aggiunto la frutta e la panna montata, dovrete mangiarle entro poche ore.
Decorate appena prima di servirle. La meringa assorbirà l'umidità della panna montata e della frutta diventando gradualmente meno croccante.
Un ottimo dolce se avete degli avanzi di albumi da consumare.

 

Condividi: