Pagnotta morbida

Una tipica pagnottella palermitana di forma rotonda, ricoperta di sesamo o come diciamo noi siciliani “giugiulena”, che ha la peculiarità di essere  morbida e spugnosa all’interno. Viene preparata con un impasto più soffice e ammorbidita ulteriormente da acqua tiepida e olio extravergine di oliva. A Palermo è simbolo del cibo da strada e viene usata sia per il “pane e panelle” che per il “pane con la milza“. Possiamo trovare facilmente questo semplice e prelibato panino imbottito  in ogni angolo di strada o nelle friggitorie.

LA RICETTA

Portata lievitati
Cucina Siciliana
Difficoltà media
Preparazione 20 minuti
Cottura 20 minuti
Tempo totale 40 minuti
Porzioni 8 pagnotte

Ingredienti

  • 200 g farina Manitoba
  • 350 g farina 00
  • 50 g olio extravergine di oliva
  • 300 ml acqua tiepida
  • 100 g lievito madre oppure 12 g di lievito fresco
  • 2 cucchiaini sale
  • 1 cucchiaino malto oppure zucchero
  • semi di sesamo q.b.

Procedimento

  • In una ciotola, o in una planetaria, sciogliete il lievito insieme all’acqua.
  • Lavorate l’impasto unendo gradualmente la farina al lievito, fino ad ottenere un composto omogeneo e morbido, ma non appiccicoso.
  • Quasi a fine lavorazione, unite il sale e l’olio poco alla volta e lavorate per una decina di minuti fino ad ottenere un impasto liscio e ben sodo.
  • Trasferitelo su una spianatoia leggermente infarinata, arrotolate l’impasto su sè stesso fino a formare una palla. Fate riposare all'interno di una ciotola fino al raddoppio coperto con pellicola trasparente e in un luogo tiepido, al riparo da correnti d’aria. Ci vorranno circa 2 ore.
  • Trascorso il tempo di lievitazione, trasferite l’impasto sulla spianatoia e con l’aiuto di una spatola e dividetelo in 7 parti dello stesso peso.
  • Schiacciate leggermente ogni pezzo, formate delle pieghe a libro e portate le chiusure verso il basso. Pirlate con il palmo delle mani e trasferiteli su una teglia rivestita da carta forno, cercando di distanziarli tra loro.
  • Inumidite la superficie con un poco d’acqua e con una leggera pressione unite i semi di sesamo. Lasciate lievitare nuovamente fino al raddoppio. All’incirca altre 2 ore.
  • Infine, infornate in modalità "pane", oppure in modalità statico a 220°C per 10 minuti sul livello superiore a quello intermedio. Passati i 10 minuti, abbassate la temperatura a 200°C e continuate la cottura per altri 10 minuti.

Suggerimenti

Se preferite utilizzare il lievito granulare, ricordatevi di dimezzare le dosi. In questo caso vi serviranno soltanto 6 g.
Condividi: